Luca Marenzio

Luca Marenzio (1553–1599)
A la strada
Ad una fresca riva
Ahi dispietata morte, ahi crudel vita
Ahi me, che col fuggire
Ahimè, tal fu d`Amore e l`esca e l`amo
Ahime chio peno et ardo
Ahime qual fu l`errore
Al lume delle stelle
Al primo vostro sguardo
Al suon delle dolcissime parole
Al vago del mio sole
Amatemi ben mio
Ami Tirsi e me l neghi
Amor fa quando sai
Amor i ho molti e moltanni pianto
Amor poi che non vuole
Amor tien el suo regno
Amor tu voi ch`io segua
Amor, io non potrei
Antequam comedam suspiro
Apollo, s`ancor vive il bel desio
Arda pur sempro mora
Ard`ogn`hora il cor
Basti fin qui
Ben mi credetti già d`esser felice
Cantai già lieto
Cantantibus organis
Cantate Domino
Cantate, Ninfe leggiadrette e belle
Cantava la più vaga pastorella
Caro dolce mio ben chi mi vi toglie
Caro e dolce conforto
Che fa oggi il mio sole
Chi vuol udir i miei sospiri in rime
Chiaro segno Amor pose alle mie rime
Come fuggir per selva ombrosa
Con la fronte fiorita
Conceptio tua
Così nel mio parlar voglio esser aspro
Cruda Amarilli che co l nomancora
Crudel perche mi fuggi
Da voi mio ben mia vita
Danzava con maniere sopre humane
Deggio dunque partire
Degli occhi il dolce giro
Deh poi chera ne fati
Deus venerunt gentes
Di pianti e di sospir
Dicemi la mia stella
Dissi a lamata mia lucida stella
Diuersi linguaggi à 9
Dolce mia pastorella
Dolce mia vita
Dolci son le quadrella
Domine ne in furore
Domine quando veneris
Donna da vostri sguardi
Dum aurora finem daret
Dura legge damor ma benché obliqua
Evening, madrigal
Ex Patre Patris
Fanaspra guerra
Fiere silvestre che per lati campi
Filli ama Tirsi et arde
Fillida mia più che i ligustri bianca
Fiume cha londe tue
Fuggi, speme mia, fuggi
Fuggirò tanto Amore
Già Febo il tuo splendor rendeva chiaro
Gia torna a rallegrar l`aria e la terra
Giovane Donna sott`un verde lauro
Giovani incauti
Grave dolor mi dà
Hic est martinus electus
Hodie beata virgo Maria
Hodie Christus natus est
Hor chesce fuor lAurora
Hor gitevi a fidare
I begl`occhi sereni
I lieti amanti e la fanciulle tenere
Il vostro divo aspetto
I` piango; et ella il volto
Jubilate Deo (a 8), cantata
La bella donna mia
La bella Ninfa mia, chal Tebro infiora
Lasso ch`io ardo e`l mio bel sole ardente
Lasso, dicea, perche venisti Amore
Laudate Dominum
Laudate Dominum a 8
Laura se pur sei laura
Le rose fronde e fiori
Le vaghe chiome d`oro
Levavi oculos meos
Liquide perle Amor, madrigal (a 5)
Lungi dal mio bel sole
L`aura serena che fra verdi fronde
Laura che l verde lauro e laureo crine
Madonna mia gentil, ringrazio Amore
Madonna poi ch`uccider mi volete
Madonna, sua mercé, pur una sera
Madrigal `Basciami mille volte` (a 5)
Madrigal `Come inanti de l`alba` (a 6)
Madrigal `Cruda Amarilli` (Cruel Amaryllis)
Madrigal `Crudele acerba` (a 5)
Madrigal `Del cibo onde il signor` (a 6)
Madrigal `Dolorosi martir, fieri tormenti`(a 5)
Madrigal `Donne il celeste lume` (a 9)
Madrigal `Gia torna a rallegrar l`aria e la terra` (Air and Earth Are Already Turning to Good Cheer)
Madrigal `Giunto a la tomba` (a 5)
Madrigal `Rimanti in pace` (a 5)
Madrigal `Sestina: Sola angioletta` (a 5)
Madrigal `Strider faceva` (a 5)
Madrigal `Tirsi morir volea` (a 5)
Madrigal `Venuta era` (a 5)
Madrigal `Vezzosi augelli` (a 4)
Magnificat
Magnificat a 8
Magnum haereditatis
Menando un giorno
Mentre fia caldo il sol, fredda la neve
Mentre l`aura spirò nel verde Lauro
Mentre sul far del giorno
Mi fa lasso languire
Mi vorria lamentar
Mia sorte empia
Missa super iniquos odio habui
Motet `Lamentabatur Jacob`
Motet `Super flumina Babylonis`
Nativitas gloriosae Virginis Mariae
Ne fero sdegno mai, Donna, madrigal (a 6)
Nel più fiorito Aprile
Nessun visse già mai più di me lieto
Non è questa la mano
Non al suo amante
Non fu mai cervo
Non può tanto
Non vidi mai dopo notturna pioggia
Nunc facta est salus
Nuova angioletta sovra l`ale accorte
O beatum Pontificem
O bella man che mi distringi il core
O disaventurosa acerba sorte
O dolce anima mia
O doloroso sorte
O liete piante
O quam gloriosum
O quam gloriosum est regnum
O sventurati amanti
O tu che fra le selve occulta vivi
O tu che mi dai pene
O voi che sospirate a miglior note
Occhi dolci e suavi
Occhi sereni e chiari
Ohimè dov`è il mio ben, dov`è il mio core?
Ombrose e care selve
Or vedi, Amor, che giovinetta donna
Partirò dunque, ohimè mi manca il core
Per duo coralli ardenti
Qual mormorio soave
Qual vive Salamandra in fiamma ardente
Quando i vostri begli occhi un caro velo
Quando sorge laurora
Questa di verdi erbette
Rivi, fontane e fiumi a laura al cielo
Rose bianche e vermiglie
Salve Regina (a 5)
Satiati Amor, ch`a piu doglioso, madrigal (a 6)
Scaldava il sol
Scendi dal paradiso
Se il dolce sguardo del divin
Se la mia vita
Se la vostra partita
Se le pene ch`io sento
Se leggete nel viso
Se m`uccidi crudele
Se perche non uccida
Se quel dolor che va inanzi al morire
Sen gia fatto pittore
Sepelierunt Stephanum
Sinfonia
Solo e pensoso
Spring, madrigal
Spuntavan gia per far il mondo adorno
Stillò l`anima in pianto
Stride il lauro nel foco
Strinse Amarilli il vago suo Fileno
Su`l carro della mente auriga siedi
Sio vissi cieco e grave fallindegno
Tirsi mio, caro Tirsi
To Part With You, madrigal
Togli, dolce ben mio
Tribus miraculis
Tu muccidi cor mio
Tuoni lampi saette e terremoti
Tutto`l di piango e poi la notte
Udite, lagrimosi spirti dAverno, udite
Vaghi e lieti fanciulli, madrigal (a 6)
Vedi le valli e i campi che si smaltano
Veggo dolce mio bene
Veni sponsa Christi
Vergine gloriosa
Vieni Clori gentil, boschetti e prati
Vienne Montan
Vivea da lacci sciolto
Voi mi tenesti un tempo
Zefiro torna
`Caeciliam cantate` (a 5), motet
`Deh rinforzate il vostro` (a 6)
`Domine ne in ferore` (a 7), motet
`Et respicientes viderunt` (a 4). motet
`Exsurgat Deus` (a 8), motet
`Iniquos odio habui` (a 8), motet
`Lamentabatur Jacob` (a 12), motet
`O Rex gloriae` (a 4), motet
`Sancta Maria` (a 4), motet
`Super Flumina Babylonis` (a 12), motet